Germania, buone pratiche ambientali da imitare

Economia circolare e transizione verso un sistema energetico a basse emissioni di gas serra: sono i due punti di forza delle politiche ambientali dell’Unione europea che fungono anche da potenti leve per l’innovazione tecnologica e la creazione di nuova occupazione pulita. Come illustra ogni anno il rapporto GreenItaly della Fondazione Symbola e di Unioncamere, le imprese che innovano in chiave ecologica processi produttivi e prodotti sono infatti quelle che assumono di più e più competitive sui mercati esteri.

In questo contesto, in Germania sono fiorite interessanti iniziative anche ad opera di associazioni, istituzioni, amministrazioni locali e singoli soggetti. Come i Repair Cafè (dove si impara a riparare invece di buttare oggetti e beni che non funzionano più), il Bioenergypark promosso dal comune di Saerbeck e la Giornata del Buon Vivere lanciata dal sociologo italiano Davide Brocchi.

Ne parlo nell’articolo “Europa, perchè sì” uscito sul numero di novembre 2018 della rivista Informatore di UnicoopFirenze.

Leggi l’articolo: Buone_pratiche_ambientali_Germania

Foto di Maren Wirths

Silvia Zamboni

Giornalista – Ambiente e Sostenibilità, Energia e Cambiamenti Climatici, Economia Circolare, Green Economy, Sharing e Digital Economy, Mobilità Sostenibile, Turismo Sostenibile, Agricoltura e Manifattura Biologica, Politiche Ambientali Europee.
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.