Promuovere la partecipazione dei cittadini alle politiche di contrasto e adattamento al cambiamento climatico
🍀 Oggi in Assemblea legislativa Regione Emilia-Romagna ho presentato un’interrogazione per sollecitare la Giunta regionale a promuovere forme di partecipazione ai processi deliberativi sul modello dell’Assemblea di cittadini sul clima da affiancare alle ordinarie azioni di informazione e sensibilizzazione per coinvolgere i cittadini pro-attivamente nell’elaborazione delle politiche di contrasto e adattamento al cambiamento climatico e, più in generale, dedicate alla transizione ecologica.
 
👉 Quest’estate il lungo periodo di siccità e la dichiarazione di emergenza nazionale per scarsità idrica che aveva determinato hanno segnalato con tutta evidenza l’aggravarsi della crisi climatica, a cui occorre rispondere accelerando i tempi della transizione fuori dalle fonti fossili e della predisposizione di azioni di efficientamento energetico per ridurre i consumi, tanto più necessari oggi di fronte al caro-metano. Si tratta di processi che comportano profondi cambiamenti non solo nei settori produttivi, energetici e dei trasporti, ma anche nella sfera dei comportamenti e dei consumi privati. La consapevolezza sulla gravità della situazione da parte di decisori politici, imprese e cittadini è quindi un fattore indispensabile per facilitare e sostenere il successo di questi percorsi. Di conseguenza è necessario mettere in campo nuovi strumenti democratici di partecipazione dei cittadini nei processi decisionali.
Il movimento Extinction Rebellion, fondato nel 2018 in Gran Bretagna e già attivo in oltre 80 paesi, si è mobilitato a livello internazionale per chiedere di istituire Assemblee di cittadini sul clima per sbloccare l’inazione dei governi nell’affrontare l’emergenza climatica ed ecologica. Tali Assemblee, composte da persone sorteggiate su base campionaria che – col supporto di esperti – studiano, dibattono e deliberano, fungono da strumenti di partecipazione democratica con cui i cittadini aiutano i politici a impegnarsi in quelle azioni indispensabili per affrontare la più grande emergenza del nostro tempo. Negli ultimi vent’anni in tutto il mondo, e in particolare in Europa, sono state attivate Assemblee di cittadini su temi etici e istituzionali e su questioni complesse ma più specifiche a livello locale. Negli anni più recenti, Assemblee sul clima si sono svolte in Scozia, Irlanda, Jersey, Danimarca, Francia, Gran Bretagna, Spagna, Finlandia, Portogallo.
 
🌏 Il Comune di Bologna è stato tra i primi in Italia a raccogliere l’appello di Extinction Rebellion: lo scorso 29 luglio è stata approvata una modifica del Regolamento del Comune per definire i modi di indizione e funzionamento dell’Assemblea cittadina, che il Comune intende attivare per la prima volta entro la fine dell’anno. Come richiesto da Extinction Rebellion, sarà dedicata all’emergenza climatica, e servirà per scrivere in maniera partecipata il contratto sul clima previsto dalla missione europea sulla città climaticamente neutrali.
 
👉 Nella risposta alla mia interrogazione, la sollecitazione che ho rivolto alla Giunta è stata accolta positivamente dall’Assessore Paolo Calvano, che ha riconosciuto la complessità metodologica richiesta dall’attivazione delle assemblee di cittadini, che proprio per questo richiedono lo stanziamento di risorse adeguate per l’organizzazione dell’intero processo, dalla selezione dei partecipanti affinché siano rappresentative della popolazione interessata, fino all’individuazione di soggetti terzi che devono gestirle. Nel confermare la volontà della Giunta di coinvolgere i cittadini nell’elaborazione delle politiche sui temi del contrasto e dell’adattamento al cambiamento climatico e più in generale sulla transizione ecologica, l’assessore Calvano ha annunciato infine che nel prossimo bando per l’allocazione di risorse destinate alla partecipazione civica saranno previste premialità proprio per quei progetti che hanno per tema le politiche ambientali e in particolare i processi di coprogettazione delle comunità energetiche.
 
🌈 Mi auguro quindi che si dia seguito all’impegno preso dall’assessore Calvano di promuovere le Assemblee di cittadini sul clima non solo della Regione, ma anche da parte di quei Comuni che non dispongono di risorse adeguate per organizzarle.
 
 

Silvia Zamboni

Giornalista – Ambiente e Sostenibilità, Energia e Cambiamenti Climatici, Economia Circolare, Green Economy, Sharing e Digital Economy, Mobilità Sostenibile, Turismo Sostenibile, Agricoltura e Manifattura Biologica, Politiche Ambientali Europee.