Uno dei dati più interessanti emersi dai vari interventi degli esperti che hanno parlato ai recenti Stati Generali della Green Economy tenutisi a Ecomondo 2015 (vedi post seguente) l’ha illustrato Jeremy Tamanini, fondatore del Dual Citizen e lead author del Global Green Economy Index (GGEI): sulla base di dati rilevati nel 2014, in Italia abbiamo una percezione delle performance ambientali del nostro Paese inferiori alla qualità delle performance stesse, mentre in Germania avviene il contrario, ossia la percezione è più elevata dell’effettiva consistenza delle performance. E il caso Volkswagen emerso dopo la rilevazione fatta dal GGEI ne è una sorta di conferma.

Nel caso specifico delle fonti rinnovabili, ad esempio, l’Italia è il Paese leader per la percentuale di elettricità da fotovoltaico. E conta anche quasi una quarantina di comuni rinnovabili al 100% sia per l’elettricità sia per il calore prodotto da fonti pulite. Come racconto nell’articolo, che pubblico di seguito nel pdf allegato, uscito sul numero di settembre-ottobre 2015 delal rivista BC.

BC 5-2015 società_comuni rinnovabili.pdf

Silvia Zamboni

Giornalista – Ambiente e Sostenibilità, Energia e Cambiamenti Climatici, Economia Circolare, Green Economy, Sharing e Digital Economy, Mobilità Sostenibile, Turismo Sostenibile, Agricoltura e Manifattura Biologica, Politiche Ambientali Europee.
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.